VILLA ROMANA - HOME
VILLA ROMANA - HOME

Mostre

01.06.                     23.08.2019

Exploration ... of what...

Paolo Fabiani, Janet Mullarney

Siamo lieti di invitare Lei e i suoi amici all’inaugurazione della mostra
venerdì, 31 maggio alle ore 19.30

Orario di apertura: dal martedì al venerdì ore 14 - 18 e su appuntamento


rosa murales

veduta della mostra

rosa murales

veduta della mostra

rosa murales

Paolo Fabiani, Monster, 2019, materiali vari

rosa murales

Janet Mullarney, Kitchen Table (detaglio), anni variabili, materiali vari

foto: Leonardo Morfini, Ela Bialkowska /OKNO studio


La mostra di Paolo Fabiani e Janet Mullarney trasforma il padiglione di vetro nel giardino di Villa Romana in uno spazio domestico trasparente. Entrambi gli artisti lavorano in modo scultoreo e spesso combinano oggetti trovati  banali con  la scultura  figurativa. Ciò che hanno in comune è l'affetto per il piccolo formato in cui figure umane e animali si posizionano come in un allegro e assurdo teatro mondiale. Entrambi gli artisti, uno italiano e l'altra irlandese, vivono nei pressi di Arezzo e si conoscono attraverso mostre collettive. Exploration ....of what ... porta per la prima volta le opere dei due artisti in un dialogo diretto.

Janet Mullarney, a cui è dedicata fino a settembre una grande retrospettiva all'Irish Museum of Modern Art, è considerata uno dei più importanti artisti contemporanei in Irlanda. Il suo lavoro è essenzialmente scultoreo, ma lavora anche con disegni, collage e video. Le sue sculture piu ricenti sono spesso di piccolo formato, in spugna, argilla, legno o cartone, incarnano individui o gruppi in spazi scenici immaginari. Figure animali antropomorfe testimoniano un'alterità, un essere con se stessi, una fragilità, una stranezza e una fantastica indipendenza. Sono sorprendenti e commoventi.

L'immaginario della scultura di Paolo Fabiani trae origine dalla Commedia dell'arte del XVII e XVIII secolo e cita figure popolari come il Pulcinella o l'Arlecchino. Li modella di gesso, argilla o stucco per vetri e li lascia in una forma grezza, a volte incrinata, schizzo. Invece di collocarli su un piedistallo, spesso li mette su oggetti banali: cartoni, piatti, elettrodomestici, o anche automobili. Queste combinazioni hanno qualcosa di ludico e comico: attaccano la serietà dell'arte e della vita e propongono invece incontri plastici leggeri con la vita quotidiana, la cultura popolare e la storia dell'arte.


Paolo Fabiani, nato a Montevarchi nel 1962, vive a Pratovecchio. Ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Firenze. Le sue opere sono state esposte al Festival dei due Mondi di Spoleto (1991 + 1992), al Museo Nazionale d'Arte Contemporanea di Seoul (1995), alla Quadriennale di Roma (1996) e alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma nel 2017.

Janet Mullarney è nata a Dublino nel 1952, ha studiato a Firenze e vive tra Italia e Irlanda. Fino a settembre 2019, l'Irish Museum of Modern Art di Dublino le dedica la retrospettiva Then and Now. Ha esposto a Casa Masaccio a San Giovanni Valdarno nel 2007. Le sue opere sono presente in numerose collezioni pubbliche e private in Irlanda, Italia, Stati Uniti d'America, Olanda e Messico.

indietro