VILLA ROMANA - HOME
VILLA ROMANA - HOME

GIURIA DEL PREMIO VILLA ROMANA 2020


Peggy Buth, nata a Berlino nel 1971, è docente di Media Art all'Accademia di Arti Visive di Lipsia dal semestre invernale 2016 /17. Nel 2002 si è laureata in fotografia e belle arti e successivamente è stata borsista presso la Jan van Eyck Academie Maastricht, Olanda (2003 - 2005). Il suo lavoro è stato presentato a livello internazionale, tra l'altro presso l'Accademia di Belle Arti di Maastricht: Exhibition Research Centre, John Moores University, Liverpool, Centre d'art contemporain, Parc Saint Léger, Francia, Württembergischer Kunstverein, Stoccarda; CAC Vilnius, Lituania, Weltkulturen Museum, Francoforte sul Meno, K21, Düsseldorf, Kestnergesellschaft, Hannover; Bétonsalon, Parigi, La Synagogue de Delme, Francia, Biennale di Bruxelles, Belgio. Nel 2018 ha partecipato alla Triennale della Ruhr con l'installazione video a 3 canali Vom Nutzen der Angst - The Politics of Selection. In precedenza, quest'opera è stata esposta in versione ridotta al Museum Folkwang di Essen. La stessa Peggy Buth parla del suo lavoro: "La mia pratica artistica è concettuale e di processo, spesso legata a una ricerca a lungo termine. La mia pratica è sia interdisciplinare che intermedia. (...) In una delle mie nuove opere Politics of Selection - Vom Nutzen der Angst (dal 2014) esploro la connessione tra la costruzione dell'identità, il pregiudizio razziale, i media, l'economia e l'appropriazione capitalistica dello spazio."

Anselm Franke, nato nel 1978, è autore, critico d'arte, curatore e dal 2013 è a capo del dipartimento Arti Visive, Film, Digital Media presso la Haus der Kulturen der Welt di Berlino. Lì ha iniziato e realizzato mostre in varie collaborazioni come Neolithic Childhood. Art in a False Present, ca. 1930 (2018, con Tom Holert), Parapolitics: Cultural Freedom and Cold War (2017 /2018, con Nida Ghouse, Paz Guevara, Antonia Majaca), 2 or 3 Tigers (2017, with Hyunjin Kim), Nervous Systems (2016, con Tactical Technology Collective, Stephanie Hankey, Marek Tuszynski ), Ape Culture (2015, con Hila Peleg), Forensis (2014, con Forensic Architecture), The Whole Earth (con Diedrich Diederichsen) e After Year Zero (etrambi 2013). Attualmente la HKW espone la mostra finale del progetto internazionale Love and Ethnology. The History of Sensibility after Hubert Fichte (a cura di Diedrich Diederichsen). Dal 2001 al 2006 Anselm Franke è stato direttore della spazio Kunst-Werke - KW Institute for Contemporary Art Berlin, dal 2006 al 2010 direttore di Extra City Kunsthal ad Anversa, nel 2008 co-curatore di Manifesta 7 in Trentino-Alto Adige, nel 2008 co-curatore della 1° Biennale di Bruxelles, nel 2012 curatore della Biennale di Taipei e nel 2014 della Biennale di Shanghai. Nel 2005, insieme a Stefanie Schulte Strathaus, ha fondato il Forum Expanded del Festival Internazionale del Cinema di Berlino. Anselm Franke ha conseguito il dottorato di ricerca presso il Goldsmiths College di Londra.

Susan Philipsz, nato 1965 a Glasgow, è una sound artist scozzese che vive e lavora a Berlino. Ha studiato scultura al Duncan of Jordanstone College of Art and Design di Dundee dal 1989 al 1993 e si è laureata all'Università dell'Ulster in Irlanda del Nord. È una delle più importanti artiste del suono internazionali dei nostri giorni ed è stata premiata con il Turner Prize nel 2010. Come scultrice di formazione, esplora i confini tra scultura e suono, tra materialità e immaterialità. Uno dei suoi obiettivi principali è l'esplorazione artistica di temi come la caducità e la memoria, così come le esperienze di guerra epocali del XX secolo. Dall'aprile 2019, Susan Philipsz è stata visiting professor - inizialmente per due semestri - presso l'Accademia d'Arte di Dresda. Philipsz ha partecipato, tra gli altri, alla Biennale di Sydney (2008), documenta 13 (2012) e Manifesta 10 a San Pietroburgo (2014). Nello stesso anno è stata nominata Official Order of the British Empire for services to British Art. Nel 2015 ha ricevuto il Global Fine Art Award alla Tate Britain per la sua installazione sonora War Damaged Musical Instruments.

Marinella Senatore, nata nel 1977, è un'artista multidisciplinare la cui pratica è caratterizzata da una forte dimensione partecipativa e da un costante dialogo tra storia, cultura popolare e strutture sociali. Attraverso varie assemblee, Senatore ripensa la natura politica delle formazioni collettive e rappresenta un'opportunità per il pubblico di generare un cambiamento sociale. Intrecciandosi con le personali esperienze autobiografiche dell'artista e le narrazioni collettivamente condivise, la sua pratica comprende collage, performance, scultura, fotografia e video. Nel 2013 Senatore ha fondato The School of Narrative Dance, una scuola nomade incentrata sull'apprendimento non gerarchico e sull'emancipazione.
Senatore vive e lavora a Roma e Parigi. Ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Napoli (1994 - 1997), al Conservatorio di Musica (1997) e alla Scuola Nazionale di Cinema di Roma (1999 - 2001). Tra le prossime mostre personali ricordiamo: CCA, Tel Aviv (2022), 34° Bienal de São Paulo, Fundação Bienal de São Paulo, Brasil (2021), Taak, Amsterdam (2021), Museo del Novecento Pistoia (2021), Fondazione Stelline, Milano (2021), Blitz, Malta (2021). Le sue opere sono state esposte in prestigiose sedi in tutto il mondo, con performance e progetti realizzati in collaborazione con Palazzo Strozzi, Firenze (2020), ICC Madrid (2020), The Centre for the Less Good Idea, Johannesburg (2019), Magazzino Italian Art, New York (2019), il Teatro Nazionale di Mannheim e la Kunsthalle Mannheim (2018), Activating Public Space, High Line, New York (2018), Art Night, Londra (2018), Manifesta, Palermo (2018) e Centre Pompidou (2017), tra gli altri.