VILLA ROMANA - HOME
VILLA ROMANA - HOME

Mostre

01.09.                     21.09.2018

Dietro i vetri

Federico Cavallini

Siete cordialmente invitati alla conversazione tra Federico Cavallini
e Davood Madadpoor venerdi 21 settembre alle ore 19.30.
Inaugurazione in occasione degli OPEN STUDIOS 2018

Orario di apertura: dal martedi al venerdi dalle ore 14 alle 18 e su appuntamento


 3-Kanal-Video/Audio, 113 min

veduta della mostra

 3-Kanal-Video/Audio, 113 min

veduta della mostra

 3-Kanal-Video/Audio, 113 min

veduta della mostra

 3-Kanal-Video/Audio, 113 min

veduta della mostra

foto: Ela Bialkowska, OKNOstudio


Che aspetto ha un’opera d’arte se anche ciò che resta dal processo di produzione diventa visibile e parte di essa? Se, dunque, non c’è davvero nulla che rimane esterno all’opera?

Federico Cavallini ha concepito il suo corpus di lavori Dietro i vetri proprio per il padiglione
espositivo in vetro di Villa Romana. La sua trasparenza contrasta con l’estetica degli scarti, con un
monumento al buttato, che può essere osservato dall'esterno e percorso  all'interno. In questa serra non cresce più niente, qui si conserva.

Il materiale: caramelle e veleno per topi, figurine e immagini porno, imballaggi, santini e mozziconi di sigarette, acquerelli su gelatina di pesce e graffiti spray. Cavallini ha raccolto tutto ciò che in fondo era destinato alla spazzatura e all'oblio rompendo così i processi funzionali - come ha fatto in precedenti lavori con la raccolta di fogliame caduto, lanugine di lavatrici o prodotti artigianali difettosi. Quello che deve essere dimenticato viene da lui archiviato e conservato, messo sottovuoto in buste di plastica o raccolto in contenitori di plexiglas dove rimane ben visibile.

La quantità dei scarti è immensa, troppa, troppe cose, troppe informazioni. Una trasformazione dell'iper-consumo quotidiano, un'azione di smaltimento che riporta alla mente ricordi e sensi di col-pa, che innesca paura e provoca aggressività. Cavallini non valorizza, salva i rifiuti dall'oblio. I rifiuti creano così la storia e la rendono visibile.


Federico Cavallini, Livorno 1974, vive a Livorno. Laureato in Storia dell'arte medioevale alla Facol-tà di lettere e filosofia di Pisa. Ha lavorato come assistente di Fabio Mauri a Roma. Nel 2012 ha partecipato alla fondazione dell'associazione Carico Massimo. Mostre principali: Galleria La Nuova Pesa, Roma; Mausoleo di Santa Costanza in collaborazione con la Fondazione Volume! Roma; Thessaloniki Biennal. La Venaria Reale, Torino; Ambasciata d'Italia a Berlino; Kunstraum München, Monaco di Baviera.

indietro